movie Header

Il Dubbio

Dal 10 gennaio al 15 marzo 2009 riprende la tournée. Sarà  rappresentato a Orvieto, Firenze, Roma, Torino, Thiene, Treviso, Pordenone,  Pistoia, Pavia, Massa, Fermo, Ancona e Budrio.

Lo spettacolo, nella passata stagione, ha toccato 16 città. Con 81  repliche, l’incasso è stato di 1.050.000 euro (media a recita di 13.000 euro),   con 61.000 spettatori (media a recita di 753).

Hurlyburly produzioni – Alien produzioni
presentano

IL DUBBIO
di
JOHN PATRICK SHANLEY
(Premio Pulitzer  2005)
traduzione FLAVIA  TOLNAY
adattamento MARGARET MAZZANTINI

con
 STEFANO ACCORSI
 (Padre Flynn)
 LUCILLA  MORLACCHI
 (Suor Aloysia)
 NADIA KIBOUT
 (Signora Muller)
 ALICE BACHI
 (Suor James)
 
scene di
Antonella Conte
costumi di
Isabella Rizza
disegno luci di
Raffaele Perin (A.I.L.D.)
regia di
SERGIO CASTELLITTO

Sinossi

1964 Parrocchia nel Bronx. Padre Flynn (Stefano Accorsi), prete cattolico, tiene un sermone domenicale ai suoi fedeli. Egli è giovane, appassionato, finalmente sembra qualcuno vicino alle anime dei suoi parrocchiani, li capisce, è parte della grande famiglia. Ma tanta "modernità" si scontrerà con forza con la Direttrice della Scuola Parrocchiale, Suor Aloisia (Lucilla Morlacchi), la quale sospetta il prete di aver abusato sessualmente di un allievo, guarda caso l'unico ragazzino di colore. Lo accuserà e ne chiederà l'allontanamento. Testimone involontario, ed anche  a malincuore, poiché ammira padre Flynn (un nome di famiglia operaia irlandese) sarà la giovane insegnante Suor James (Alice Bachi), che ha colto il ragazzino Muller all'uscita di un incontro con il prete, con l'alito che sa di alcool. Suor James svolge il suo lavoro con gli allievi con abnegazione e passione, qualità non condivisa dalla "dura" Direttrice, che la invita ad essere più attenta alla sua salute morale dei suoi allievi.
Il conflitto-scontro fra questi personaggi-titani porterà lo spettatore a sperimentare "il dubbio", a credere ora all'innocenza, ora alla colpevolezza del prete, difeso addirittura dalla madre del ragazzo (Nadia Kibout), che, in ogni caso senza voler approfondire la natura del rapporto con suo figlio, apprezza l’"interesse" di un prete bianco per suo figlio nero.
Conflitto, ipocrisia, colpi bassi, un testo costruito con appassionata suspance, quasi fosse un'inchiesta.

 

Note di regia

DUBBI IN BIANCO E NERO

John Patrick Shanley comincia a scrivere “Il dubbio” nel 2002  (pubblicato nel 2004), un  anno dopo la tragedia delle Torri Gemelle, (11  settembre 2001) e ambienta la storia  in una scuola parrocchiale del Bronx  nel 1964, un anno dopo la morte di J.F.Kennedy, (22 novembre 1963). Il nesso drammaturgico e psicologico dell’autore e del cittadino Shanley mi sembra interessante.  
 E’ un’America che ha perduto padri e certezze, un popolo, una comunità che  cammina sul bordo di una paurosa assenza. E’ questo il senso più interessante  di un testo lucidissimo eppure denso di pietà costruito su una drammaturgia  classica eppure attualissima grazie al “pretesto” della trama: una vecchia  religiosa sospetta un giovane prete che insegna nella scuola dove lei è  direttrice, di aver molestato l’unico ragazzino di colore (leggi “negro”)  dell’istituto. Pedofilia, fede, verità, dubbio, purezza, paura, resurrezione.  Queste sono le parole, questi sono i temi che compongono la straordinaria  suspence emotiva de "Il dubbio". Un testo dove non ci sono suore e  preti ma uomini che fanno i preti e donne che fanno le suore.
 Dietro  quell’abito bianco e nero che è insieme scudo e gabbia, si agitano esseri umani  che cercano una via di uscita dalla trappola dei loro desideri e dei loro  sospetti.  Ogni scena, ogni dialogo è un autentico combattimento.  Le  armi sono l’intelligenza, la capacità, poco cristiana per altro, di manipolare  l’avversario, di “stenderlo” o usarlo al servizio del proprio teorema. Vittime  e carnefici in questa storia si scambiano i ruoli continuamente, perché le parole, le accuse, sono di ferro incandescente e lasciano segni  sulla psiche  di quel prete, di quelle suore.  “Che cosa facciamo quando non ci  sentiamo sicuri?” questa è la prima  battuta  che Padre Flynn, il  giovane prete protagonista dice ai fedeli durante il sermone della domenica.  Sì,  che cosa facciamo quando tutto vacilla, la strada é perduta,  l’illusione demolita? Che cosa facciamo, non l’11, ma il 12 settembre…?
 Eppure  la pietà, le improvvise dolcezze dello spirito, il desiderio  di sentirsi  puri. Perché oltre il muro,  magari incarnato in un pallone da basket c’è  Dio, quel dito puntato come un giudizio e quelle formiche nere là sotto che  brulicano, sperano, lavorano per la salvezza. In ultimo, la lotta che la madre del  bambino nero ingaggia per consentire anche a suo figlio di avere un'opportunità  nella vita ci sembra risarcita oggi direttamente dalla Storia di Barak  Obama e della sua straordinaria elezione a presidente degli Stati Uniti.
 
Sergio Castellitto

Gallery

Il Dubbio

Categoria: teatro

loading-gif